Il presente sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

 

  • Home

Guantanamo,

Gli diamo una mano?

22 ottobre 2016

Baracoa rinasce da piccoli gesti
(foto web)

Lui non si arrende!

A quasi tre settimane dal passaggio crudele dell'uragano Matthew la vita a Baracoa tenta di ritornare alla normalità. Ma c'è ancora molto da fare. Non limitiamoci ad affermare "amo Cuba!"

Un piccolo gesto, ora, può essere veramente molto importante.

Lui non si arrende! Aiutiamolo!

Possiamo raccogliere le offerte ed inviarle con bonifico bancario a questo Iban:

"Aiutiamo Yumurì"    IT 75 Q 0760 1051 3828 9528 1895 31 (più le commissioni previste, questa è la soluzione più cara);

oppure caricando direttamente la Postepay presso qualsiasi Ufficio Postale. In questo caso sarà sufficiente portare con se il proprio codice fiscale e si spenderà solo 1 euro!

Il numero della Carta è il seguente:  5333 1710 3021 6598

Una birra, un caffè, un paio di sigarette... il nostri superfluo è essenziale per lui!

Ore d'ansia a Cuba

provincie di Santiago, Granma e Guantanamo
Le provincie di Santiago, Granma e Guantanamo (foto web)
Santiago de Cuba. Sisma del 17.01.2016
(La popolazione santiaghera in strada. Foto web)

19 Gennaio 2016. In questi giorni Cuba è stata colpita dalla manifestazione violenta della natura nelle sue due città simbolo: l'Avana e Santiago. La Capitale dopo una settimana di forti piogge ha visto diversi dei suoi quartieri inondati dall'Oceano, la cui spinta imponente ha superato prima il parapetto del Malecon per poi farsi strada nella zona del Vedado. Attualmente le acque stanno defluendo lasciando l'impronta distruttiva del loro passaggio. Più preoccupante è la situazione della Capitale storica, della culla del Son e della Revolucion, Santiago. Da domenica 17 gennaio sono state registrate infatti 582 scosse sismiche di cui circa una trentina percepibili dalla popolazione. La Defensa Civil ha diramato un invito a non sostare all'interno degli edifici per il timore di nuove possibili violente scosse telluriche. Oltre ad una grande paura non si sono però registrati nè danni nè vittime. La zona geografica della provincia di Santiago e delle vicine Guantanamo e Granma sono quelle sismologicamente più attive. Vivo è ancora il ricordo del violento terremoto del 1932 che fece diverse vittime a Santiago e causò distruzione e panico e di quello avvenuto esattamente 6 anni fa, il'12 gennaio del 2010 nella vicina Haiti. Sono certo che la popolazione cubana saprà affrontare queste prove con la dignità ed il coraggio dimostrate in altre occasioni. Il sole tornerà presto a risplendere e si ricomincerà con l'allegria di sempre!

L'Avana inondata. 18 gennaio 2016
L'Avana regala comunque poesia (foto web)
L'Avana inondata. 18 gennaio 2016
L'Avana, 18 gennaio 2016 (foto web)