Il presente sito fa uso di cookie tecnici e di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

 

  • Home

tamales,

Tamales, il cibo dei guerrieri

Tra i vari personaggi che affollano la vicenda di “Mambo Tango” uno che mi sta più a cuore è certamente Anita, una anziana signora che in una quadra dell'Avana si era costruita una solida reputazione cucinando e vendendo dei gustosissimi tamales,una pietanza fatta di elementi semplici ma che richiede una cura particolare nella sua preparazione. Di seguito vi racconto un po' l'origine di questo autentico gioiello della cucina latinoamericana che, pur realizzato in diverse forme, conserva i sapori di ingredienti sacri e l'originalità di tradizioni millenarie.

Il suo nome deriva dalla parola azteca“tamalli” che significa avvolto: un panetto che ha come ingrediente di base il mais macinato grossolanamente impastato con acqua calda oppure brodo di carne o pollo fino ad ottenere un composto morbido, lamasa e farcito poi con spezie, carne, verdura, pesce o formaggio. Infine viene avvolto con le foglie che avvolgono la pannocchia (a volte anche con quelle del banano) e poi bollito, cotto al vapore o in antichi forni di pietra. Una pietanza di origine andina semplice e gustosissima che caratterizza la gastronomia di tutta l'America, dal Messico all'Argentina, dal Perù alla Bolivia e al Belize e a tutte le isole caraibiche.

Tiempo de Tamales! Per veri guerrieri!

Ho seguito settimana dopo settimana il formarsi della pannocchia. L'ho vista svilupparsi dalla sua iniziale piccola dimensione, grande come il mignolo di una mano, fino a diventare bella grossa avvolta ben stretta nelle sue foglie e con quel buffo pennacchio che all'inizio è di colore bianco per poi diventare verdognoglo e alla fine marrone scuro. La pannocchia è pronta per la preparazione del Tamal quando i suoi chicchi sono ancora molto teneri e il ciuffo è verde chiaro. Se si supera questo momento diventa pressochè impossibile ottenere i gustosi panetti. In Italia il periodo della raccolta va tra la fine di luglio ed i primi d'agosto. Ci vuole un occhio vigile per scegliere il momento opportuno...

Sono stato fortunato: una gentile signora me le ha regalate chiedendomi in cambio una preghiera alla Madonna per la casa ed i suoi abitanti. Testimonianza che al mondo c'è ancora gente straordinaria!

Nella sezione cultura/cucina ho già raccontato l'antica storia dei tamales, il "cibo dei guerrieri" consumato dai Maya, dagli Aztechi e dagli Incas. Troverete la ricetta con tutti gli ingredienti base.

Preparazione dei tamales. La raccolta delle pannocchie

Di seguito potrete assistere invece a "Tutto il Tamal minuto per minuto", un racconto per immagini della preparazione di quello che è considerato il primo street food dell'umanità. Buon divertimento!

scelta della pannocchia
pannocchie per il tamal
                                                                                                                  

 scelta delle pannocchie

  Si scelgono le pannocchie più adatte, quelle grandi e ancora tenere...